Monthly Archives:dicembre 2019

supporto-informatico-torino

La trasformazione digitale: una vera rivoluzione

Quella del digitale non è una semplice trasformazione, ma una vera e propria rivoluzione che già da tempo ha impattato profondamente sulle abitudini quotidiane dei privati, così come sul modo di lavorare delle aziende: notebook e laptop, server, router e stampanti, desktop condivisi, cloud storage sono realtà nelle reti ICT di ogni singola impresa. Se i benefici sono apprezzabili e consentono una maggiore efficienza e condivisione di idee, d’altro canto orientarsi tra i macchinari non è affatto semplice: come ogni investimento, devono non solo essere calcolati i rischi ed i vantaggi, ma deve essere attuata anche una precisa progettualità.

Fattori da analizzare per quantificare l’investimento

Al fine di trarre il maggior utile possibile dall’investimento nella informatizzazione dei dati, è necessario che siano pianificate determinate strategie per il reparto IT. Ma quali, esattamente? La risposta è destinata a rimanere molto vaga. Sono, infatti, tanti i fattori che dovrebbero essere presi in analisi: la dimensione dell’azienda e le sue necessità, i settori da potenziare, le esigenze del business, la scalabilità delle soluzioni trovate; e ciò senza tralasciare i temi legati alla sicurezza informatica, al disaster recovery, allo storage, alla configurazione e all’aggiornamento dei software. Una volta individuati i progetti, infine, si dovrebbe procedere all’installazione di una infrastruttura che faccia da sostrato alla transizione al digitale.

Dove trovare il supporto informatico a Torino?

In un panorama simile, nel quale è davvero molto facile disorientarsi, può essere utile rivolgersi ad aziende specializzate che offrano dei servizi di consulenza ed assistenza qualificati. A Torino, ad esempio, opera da decenni con enorme successo Arka Service, azienda che si è guadagnata un ruolo di eccellenza nel panorama internazionale. Forte della pluriennale esperienza, di un approccio multiculturale all’informatica grazie ad un team di professionisti provenienti da tutto il mondo, Arka Service è in grado di fornire un supporto informatico di qualità elevatissima, divenendo un prezioso alleato per il proprio business.

0 Comments
Share
back-up-su-nastri-magnetici

Storage dei dati: il sostrato di ogni azienda

La salvaguardia di dati è una questione di particolare importanza per ogni azienda: formule, processi produttivi, sviluppo di software ed applicazioni usati dal personale sono elementi fondamentali per la vita stessa dell’impresa e una loro perdita comporterebbe senza alcun dubbio la fine dell’attività. L’archiviazione di tali contenuti, oltre a dover offrire specifiche garanzie in termini di sicurezza e di accessibilità, dovrebbe anche prevedere una conservazione in un arco di tempo comprensibilmente molto lungo. Quali sono le strategie sul mercato e che possibilità offrono? Tra le proposte, una soluzione certamente non innovativa, ma capace di soddisfare le richieste del cliente più esigente è data dallo storage su nastri magnetici.

I nastri magnetici

I nastri magnetici sembrano essere destinati a vivere una nuova epoca di successo, dopo essere stati temporaneamente messi da parte con l’avvento di altri modelli di memoria, come i supporti ottici o gli hard disk: le performance offerte dai nastri magnetici infatti non trovano paragone, soprattutto per ciò che concerne l’efficienza energetica, la capacità di archiviazione e la longevità. Costituiscono, pertanto, la migliore soluzione per lo storage di dati molto importanti ed ai quali, magari, non si accede con una frequenza quotidiana.

L’efficacia del back up utilizzando i nastri magnetici

Provvedere periodicamente ad eseguire un back up delle macchine, si sa, è la soluzione migliore per quanto concerne il disaster recovery: contro la perdita dei dati dovuta ad un attacco hacker piuttosto che ad un guasto improvviso o ad un uso scorretto da parte dell’utilizzatore, eseguire con regolarità delle copie garantisce il prosieguo dell’attività dell’azienda. Ma ciò potrebbe non essere sufficiente, dal momento che lo stesso supporto che memorizza i duplicati potrebbe logorarsi. In virtù delle proprietà sopra analizzate, il back up su nastri magnetici rappresenta una scelta capace di coniugare sicurezza e versatilità, conservazione dei dati a lunga scadenza ed accessibilità.

0 Comments
Share
Servizi

Cloud integrator

cloud-integrator

Il successo del cloud storage

In una società caratterizzata da rapidi mutamenti, anche il mondo del digitale è spesso percorso da mode e tendenze più o meno durature: non sembra questo essere il caso del cloud, risorsa i cui vantaggi sono sempre più apprezzati dalle aziende così come dalla esperienza dei privati. Le ragioni sono facilmente intuibili: dal momento che la “nuvola” permette l’archiviazione di dati su spazio virtuale sicuro, ne consegue che i file memorizzati sono accessibili da qualsivoglia dispositivo connesso ad internet. Una azienda che si poggi sul modello del cloud storage investe nella sicurezza dei propri dati, nella versatilità, nell’efficienza.

Di cosa si occupa un cloud integrator

Un cloud integrator è una figura che, insieme al responsabile IT dell’azienda, attua delle strategie tese a coniugare operazioni offline e potenzialità della “nuvola”, mirando ad ottenere le massime prestazioni possibili, calibrate sulla base delle specifiche esigenze; implementare, dunque, l’approccio al digitale per sopperire a processi che risultano carenti dal punto di vista dell’ITSM. Il cloud integrator si occupa di organizzare piattaforme IT complesse per potenziare la capacità di storage, il consolidamento del business, la potenza di calcolo, i servizi di assistenza: tutte le attività aziendali, infatti, possono essere gestite comodamente ed in modo più efficiente e versatile dal cloud computing.

L’integrazione dei sistemi: il cloud ibrido

Contabilità, messaggistica di posta elettronica, memorizzazione dei dati, sviluppo degli applicativi e dei software aziendali: di tutto ciò si occupa il cloud integrator, la cui competenza è spesso utile agli imprenditori anche nel processo di migrazione IT. Tale modello si configura come un Iaas, acronimo di Integration as a Service, che generalmente si appoggia ad un modello di cloud ibrido: se, infatti, alcune operazioni, software o dati che non necessitano di implementazione continuano ad essere gestiti localmente, altri processi sono caricati su un cloud privato o pubblico e vengono ottimizzati da computer remoto.

0 Comments
Share
Servizi

IT service

it-service

La sfida del digitale: una opportunità per tutti

La trasformazione digitale in atto, ben lungi dall’essere solo una moda tecnologica temporanea, sta coinvolgendo, seppur con minime differenze, tutti i settori produttivi e le aziende, di qualsiasi dimensione esse siano: anche una piccola impresa, infatti, può sfruttare le potenzialità messe in campo dall’informatica. Ci si troverebbe in errore, infatti, se si stimasse che solo le grandi multinazionali dovrebbero dotarsi di un ITSM, ovvero di un IT Service Management; al contrario, approcciarsi al digitale calibrando l’investimento in base al proprio business e progettando un piano di potenziamento efficace è una delle grandi sfide a cui gli imprenditori sono chiamati.

Necessità di pianificare attentamente l’IT Service

Compito primario del reparto IT di una azienda è sicuramente quello di progettare e gestire l’infrastruttura digitale, implementando in modo significativo quell’apparato tecnologico che costituisce l’ossatura dell’impresa; premessa di tutto ciò, però, è che l’IT Service ponga particolare attenzione alla qualità dei servizi da erogare e che questi siano veramente fondamentali per il successo del business. Chi si occupa di IT Service, dunque, non è solo un tecnico interessato all’efficienza delle macchine, ma un professionista capace di gestire in modo oculato i servizi di information technology e trarne i maggiori benefici per supportare l’attività aziendale con strategie mirate.

Competenza e professionalità per gestire l’IT Service

Se il successo di una azienda si deve ad un riuscito connubio tra idee, persone, strategie, prodotti e tecnologia, obiettivo di un IT Service è quello di riuscire a mettere in comunicazione tutti i settori dell’impresa, amministrare e gestire i modelli di archiviazione dei dati, ma anche trovare quelle best practices che, se potenziate, possono ottimizzare le risorse e costituire un valore aggiunto: ecco allora che un IT Service, generalmente, opera seguendo i principi ITIL, elaborando delle linee guida e dei processi uniformabili e scalabili. Per far ciò occorrono competenze specifiche, che possono essere ritrovate anche in personale esterno all’azienda ed al quale affidare un settore tanto sensibile quanto importante.

0 Comments
Share