Monthly Archives:maggio 2018

La necessità di archiviare un numero sempre crescente di dati, ma anche la comodità di averli a disposizione su qualsivoglia dispositivo capace di connettersi ad internet rendono l’archiviazione su cloud una alternativa molto valida rispetto ai classici dispositivi di memoria, quali hard disk, chiavette USB e CD. Utilizzare gli storage cloud, infatti, permettono di conservare i propri dati in modo sicuro ed affidabile, offrendo agli utenti anche la possibilità di condividere in tempo reale con i propri collaboratori o con un gruppo di lavoro un determinato progetto. E non solo: sono sempre più le aziende, quali Google, Amazon, Microsoft, che offrono uno spazio in cloud, in alcuni casi illimitato, per archiviare le proprie foto ed i video.

Alcuni vantaggi del cloud

Lo storage cloud consiste nella memorizzazione dei dati su server virtuali propri o, molto più spesso, di terze parti: i data center, ovvero i luoghi dove è conservata l’infrastruttura informatica fissa, affittano dello spazio virtuale ai clienti al fine di archiviare i propri dati. Nessun dispositivo reale che potrebbe guastarsi, dunque, ma una rete di connessioni capace di conservare in modo flessibile qualsiasi dato sia per brevi periodi che a lungo termine. Tale servizio è spesso reso in modo gratuito da alcune aziende, che offrono capacità di archiviazione più o meno limitate; è comunque possibile in tutte le piattaforme aumentare lo spazio di storage, sottoscrivendo un contratto di abbonamento.

I principali storage cloud

Tante sono le proposte per gli utenti che necessitino di archiviare i propri dati in uno storage cloud ed è necessario avere ben chiare le potenzialità ed i servizi offerti da ciascuna piattaforma. Google Drive, ad esempio, risulta eccellente per la quantità di spazio che offre gratuitamente, con la possibilità di archiviare immagini e video in Google Foto, un cloud parallelo ed illimitato; il vantaggio principale di Dropbox, viceversa, è la sincronizzazione, che trasferisce nel server solo la porzione modificata di un file, ottimizzando risorse e spazio.

0 Comments
Share

Apple è, ad oggi, uno dei più grandi colossi per creazione di device ed apparecchiature informatiche: gli smartphone prodotti dall’azienda di Cupertino, nella Silicon Valley, sono molto apprezzati dagli utenti per le caratteristiche ed i servizi offerti. Qualità eccellente, dunque, ma anche una grande attenzione riservata al cliente: la customer satisfaction è una componente indispensabile per le politiche di fidelizzazione del cliente perseguite dall’azienda americana. In tale ottica il servizio di helpdesk e il supporto offerto da Apple per i suoi prodotti è indispensabile.

Supporto Apple

Il supporto offerto da Apple ai suoi clienti in fase di post-vendita si attua in relazione al sorgere di una problematica specifica che è risolvibile identificando l’origine in un’unica causa. Il servizio è accessibile dall’account Apple identificativo del cliente, ma anche dal sito internet dell’azienda, dopo aver scelto il prodotto e l’argomento: ciò al fine di ottimizzare le risorse interne e permettere un intervento, che sia telefonico o via chat, il più mirato ed efficace possibile. Il supporto Apple non si ferma al solo intervento di un helpdesk, ma offre ai clienti la possibilità di portare il proprio dispositivo direttamente in uno dei punti assistenza convenzionati con l’azienda.

Garanzia e programmi di estensione

La garanzia Apple, periodo ammontante ad uno o a due anni, in base al contratto di vendita accettato dal cliente, assicura un intervento gratuito sia sull’hardware, per la risoluzione di problemi legati, ad esempio, alla configurazione o all’installazione del dispositivo, che a livello software, con un numero praticamente illimitato di intervento entro i novanta giorni dalla data di acquisto. È possibile per tutti i clienti, tuttavia, acquistare un servizio del supporto Apple qualora il device fosse non più coperto dalla garanzia del costruttore; in alternativa, l’azienda ne propone una estensione con i programmi denominati “Apple Care +” o “Apple Care Protection Plan”.

0 Comments
Share

Project mangement, letteralmente gestione di un progetto, è una attività generalmente affidata a dei tecnici specializzati ed in possesso di determinati prerequisiti e che ha come scopo quello di permettere all’azienda un miglior rendimento, sia in termini di produzione che per ciò che riguarda la credibilità all’esterno: una attività, infatti, che procede per progetti verificabili, i cui progressi possono essere misurati nell’arco di un tempo certo, è capace di garantire alla propria clientela elevati standard qualitativi ed offre ai propri dipendenti una modalità per condividere la mission aziendale e per suscitare la giusta motivazione al lavoro. Il project management prevede l’analisi, la pianificazione e la realizzazione degli obiettivi individuati in un progetto, da concludersi entro tempi definiti.

I vantaggi del project management

Ottimizzare le risorse a disposizione, tentando un approccio metodico con i vari progetti: è questa la filosofia di base del project management, nomenclatura con le quale si intende la gestione di tutte le attività, le tecniche e gli strumenti di front office e di back office necessari all’espletamento di un dato progetto, elaborato ed inserito nel piano strategico di una azienda. Tutto questo si traduce, operativamente, non solo in una migliore produttività, ma anche nella possibilità di prevedere e gestire i rischi, dal momento che tutte le architetture della ICT sono costantemente monitorate.

Prerequisiti necessari al personale

Il project management è di solito affidato a personale altamente specializzato: requisito infatti indispensabile è quello di essere in possesso di una qualifica professionale ad hoc che attesti le competenze a gestire tecniche, strategie e tecnologie necessarie al progetto. L’attestazione più gettonata è quella rilasciata dal Project Management Institute, il prestigioso PMP, acronimo di Project Management Professional e che ratifica una considerevole esperienza nella gestione dei progetti. L’altra qualifica, che si consegue prima e che diviene propedeutica al PMP, è CAPM, ovvero Certified Associate in Project Management.

0 Comments
Share

Fornire adeguata assistenza al cliente, soprattutto nella fase di post vendita, si rivela oggi essere una strategia di straordinaria efficacia: la credibilità della azienda che ha fornito il prodotto, infatti, ne guadagna in credibilità ed il servizio di helpdesk è molto apprezzato dall’acquirente, che può così contare su una assistenza costante e continuativa nel tempo, sottoponendo al personale specializzato eventuali problemi di configurazione, segnalare interruzioni del servizio, gestire le licenze e gli aggiornamenti software, trovare soluzioni ed eventuali difficoltà sorte nell’utilizzo. Un servizio di helpdesk efficiente, d’altro canto, si caratterizza per l’alta reattività e per essere in grado di intervenire in qualsivoglia circostanza.

Come funziona il supporto tecnico online

L’helpdesk è un servizio che offre un supporto commerciale, ma soprattutto tecnico al cliente: le potenzialità offerte dalla rete, in tal senso, permettono alle aziende un margine di intervento ampiamente maggiore rispetto alla classica formula dei call center. L’helpdesk online, dunque, non è solo una alternativa al telefono, ma una scelta precisa nella strategia di assistenza al cliente, permettendo di agire sul guasto da computer remoto, accelerando considerevolmente i tempi di diagnosi e di intervento e con un considerevole risparmio anche in termini economici sia per l’azienda produttrice che per il cliente.

Come contattare un helpdesk aziendale

Diverse sono le modalità che i produttori propongono per accedere al supporto tecnico online dell’helpdesk: accanto al classico form da compilare in calce al sito, magari dopo che il cliente abbia consultato la sezione dedicata alle FAQ, si sta affiancando la chat, soluzione che garantisce all’utente un intervento dell’azienda in tempo reale. Qualunque sia il canale utilizzato, è tuttavia importante che l’accesso all’helpdesk sia intuitivo, con una interfaccia semplice ed efficace; la qualità del supporto tecnico online offerto, d’altro canto, deve essere rispondete alle richieste della clientela, con operatori  altamente specializzati per venire incontro anche a distanza alle più varie esigenze.

0 Comments
Share